2009

VISITE 2009

 

VISITE DAL 1° OTTOBRE AL 31 DICEMBRE 2009

N. 431 di cui:
1ª visita = n. 162  2ª visita = n. 144  3ª visita = n. 72
4ª visita = n.   29  5ª visita = n.   15  6ª visita = n. 9

Fra la prima e la seconda visita la riduzione delle irregolarità di maggiore interesse prevenzionale (ponteggio mancante, aperture irregolari, scale fisse non protette, posti lavoro e passaggi non protetti, scavi non protetti, macchine irregolari, documentazione, impalcato irregolare e parapetto irregolare) è risultata del 52% circa.
La successiva contrazione fra i dati della seconda visita e quelli della terza, del 44% circa.
I sopralluoghi successivi al terzo sono destinati normalmente a verifiche e controlli di situazioni già sostanzialmente avviate alla normalità.


VISITE DAL 1° LUGLIO AL 30 SETTEMBRE 2009

N. 444 di cui:
1ª visita = n. 171  2ª visita = n. 137  3ª visita = n. 77
4ª visita = n.   30  5ª visita = n.   16  6ª visita = n. 13

Fra la prima e la seconda visita la riduzione delle irregolarità di maggiore interesse prevenzionale (ponteggio mancante, aperture irregolari, scale fisse non protette, posti lavoro e passaggi non protetti, scavi non protetti, macchine irregolari, documentazione, impalcato irregolare e parapetto irregolare) è risultata del 51% circa.
La successiva contrazione fra i dati della seconda visita e quelli della terza, del 46% circa.
I sopralluoghi successivi al terzo sono destinati normalmente a verifiche e controlli di situazioni già sostanzialmente avviate alla normalità.


VISITE DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2009

N. 867 di cui:
1ª visita = n. 342  2ª visita = n. 291  3ª visita = n. 129
4ª visita = n.   58  5ª visita = n.   29  6ª visita = n. 18

Fra la prima e la seconda visita la riduzione delle irregolarità di maggiore interesse prevenzionale (ponteggio mancante, aperture irregolari, scale fisse non protette, posti lavoro e passaggi non protetti, scavi non protetti, macchine irregolari, documentazione, impalcato irregolare e parapetto irregolare) è risultata del 52% circa.
La successiva contrazione fra i dati della seconda visita e quelli della terza, del 46% circa.
I sopralluoghi successivi al terzo sono destinati normalmente a verifiche e controlli di situazioni già sostanzialmente avviate alla normalità.